Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Inaugurata la mostra fotografica “Vino. Oltre il paesaggio” in occasione del Mese Europeo della Fotografia - EMOP Berlin

Data:

20/10/2020


Inaugurata la mostra fotografica  “Vino. Oltre il paesaggio” in occasione del Mese Europeo della Fotografia - EMOP Berlin

zenato f16 emop2020 19

 

Lunedì 19 ottobre è stata inaugurata in Ambasciata alla presenza dell’Ambasciatore Luigi Mattiolo la mostra “Vino. Oltre il paesaggio”, la seconda tappa del progetto fotografico quadriennale di Zenato Academy, organizzata in occasione del Mese Europeo della Fotografia EMOP Berlin. L’inaugurazione si è svolta senza pubblico in ottemperanza alle norme anti Covid, con un collegamento video dalla Tenuta di Zenato a Peschiera del Garda con Nadia Zenato e il curatore della mostra Luca Panaro.

È possibile vedere la mostra nell’ambito di visite guidate con gli artisti lunedì 26 ottobre alle ore 15.00 e 15.40 previa registrazione via mail a berlino.events@esteri.it (indicare il proprio nome e la data di nascita). Il giorno della visita è importante avere con sé la carta d'identità e una mascherina.

Dopo la mostra “Vino. Oltre gli oggetti”, che nel 2019 ha visto protagonisti gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera di Milano, si è proseguito con il coinvolgimento degli allievi di f/16 Schule für Fotografie di Berlino, individuati dalla docente Martina della Valle.

„Questa nona edizione dell'EMOP di Berlino si svolge in circostanze uniche - dichiara l’Ambasciatore Luigi Mattiolo - in queste settimane difficili segnate dalla pandemia del coronavirus. È anche la prima volta che l'Ambasciata d'Italia è partner di una mostra durante il Mese Europeo della Fotografia. E sono lieto che siamo riusciti a mantenere questa inaugurazione nonostante le limitazioni vigenti in materia di numero massimo di persone e di distanziamento sociale. Oggi la normalità è messa a dura prova. Ma anche oggi, la fotografia può ancora essere un potente agente di cambiamento. Portando alla luce la verità, la fotografia può cambiare il mondo e stimolare l'opinione pubblica. La scorsa primavera, alcune immagini commoventi dall'Italia, il primo Paese europeo ad essere stato colpito dalla pandemia, hanno contribuito a cambiare in meglio la narrazione sulla solidarietà europea.“

“Con Zenato Academy ci siamo posti l’ambizioso progetto di creare un luogo d’incontro dedicato a giovani artisti nel campo della fotografia ed esprimere l’intimo nesso tra tradizione vitivinicola e arte fotografica” spiega Nadia Zenato, titolare dell’azienda vitivinicola Zenato. “Oltre è la parola chiave del progetto, ma anche della nostra visione: vedere, agire, pensare per superare i limiti, per la nostra azienda, ma anche per il nostro territorio. E Oltre si va tutti i giorni in vigna e in cantina, grazie all’attenzione posta a migliorare i gesti, affinare i processi, studiare i risultati delle sperimentazioni. Oltre perché nei nostri prodotti non abbiamo messo solo tecnica, ma valori e sentimenti.”

“Per questo voglio ringraziare l’Ambasciatore Luigi Mattiolo – prosegue Zenato -per aver creduto in questa nostra iniziativa culturale e per l’impegno dell’Ambasciata nel promuove le eccellenze del nostro Paese”.

“Il tema scelto per questa seconda edizione del progetto è il paesaggio, inteso come fonte di conoscenza, testimone nobile e silente della produzione del vino” - illustra Luca Panaro. “Le scelte compiute da ciascuno studente e l’imprinting fornitogli dalla scuola – prosegue Panaro - hanno portato i cinque studenti a interpretare in modo originale il tema dato, nel desiderio di andare oltre l’iconografia tradizionale del paesaggio attraverso il potere immaginifico della fotografia”.

“I giorni trascorsi nelle tenute Zenato in Lugana e in Valpolicella, tra i vitigni durante la vendemmia, hanno dato il giusto impulso alla nascita di progetti strettamente legati al territorio. Vivere il contesto, conoscere gli attori che lo abitano, ricercare tra le pieghe del paesaggio e gli strati del territorio, sono state attività preziose che hanno dato origine a una narrazione per immagini profondamente ispirata all’attività dell’azienda” racconta la tutor Martina della Valle.

Studenti coinvolti nel progetto: Lisa Dollhopf, Stefanie Dollhopf, Jorge Garrido, Lara Sapper, Marina Villanueva.

Photo Credits: Martina della Valle


756