Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

01.12.2020: Dialogo virtuale tra Confindustria e Bundesverband der Deutschen Industrie (BDI) sul tema Brexit

Data:

03/12/2020


01.12.2020: Dialogo virtuale tra Confindustria e Bundesverband der Deutschen Industrie (BDI) sul tema Brexit

Le due principali associazioni imprenditoriali di Italia e Germania (Confindustria e BDI), rappresentate rispettivamente dal delegato per l’Europa del Presidente di Confindustria Stefan Pan e dal Direttore Generale Joachim Lang, hanno approfondito oggi in un workshop virtuale organizzato dall’Ambasciata d’Italia a Berlino il tema della Brexit e delle misure di preparazione delle imprese dei due principali Paesi manifatturieri d’Europa in vista della definitiva uscita del Regno Unito il 1 gennaio.

A prescindere dall’esito dei negoziati tra Londra e Bruxelles, è emersa, nel corso del webinar al quale hanno partecipato l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, rappresentanti di Business Europe e l’Ambasciatore di Germania a Roma, l’importanza di mettere le aziende europee nelle condizioni di gestire al meglio la sfida rappresentata dalla Brexit, minimizzando i rischi e le incertezze in uno scenario economico gia’ particolarmente ricco di criticita’.
“L’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea non rappresenta l’uscita del Regno Unito dall’Europa”, ha commentato l’Ambasciatore d’Italia a Berlino Luigi Mattiolo “Unione Europea e Regno Unito continueranno a lavorare insieme per le molte sfide che abbiamo in comune. E’ pertanto fondamentale cooperare con i nostri partners europei per rendere la transizione in corso quanto piu’ agevole possibile per le nostre imprese, ad esempio lavorando in stretto raccordo con il settore privato sulle tematiche commerciali e doganali, con l’obiettivo di superare senza contraccolpi eccessivi la fase di passaggio e di eliminare rapidamente ogni possibile ostacolo sulla strada di una nuova relazione tra UE e Regno Unito nella fase post Brexit”.

Leggi qui l'eco del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale


775