Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

16.06.2021: Armando Varricchio nominato Ambasciatore d’Italia a Berlino

Data:

16/06/2021


16.06.2021: Armando Varricchio nominato Ambasciatore d’Italia a Berlino

Si rende nota, a seguito del gradimento del Governo interessato, la seguente nomina deliberata dal Consiglio dei Ministri:

Armando Varricchio
Ambasciatore d’Italia a Berlino

Armando Varricchio nasce a Venezia il 13 giugno 1961 e consegue la laurea con lode in Scienze Politiche presso l’Università di Padova nel 1985.

Entra in carriera diplomatica nel 1986 e presta servizio presso la Direzione Generale del Personale.

Nel 1988 svolge il suo primo incarico a Budapest, dove si occupa di relazioni economiche e commerciali fino al 1992, quando assume alla Rappresentanza permanente d’Italia alla C.E.E. a Bruxelles.

Di rientro a Roma nel 1996 presta servizio presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri e, nel 1999, diventa Capo di Gabinetto del Ministro per le Politiche Comunitarie. L’anno successivo è distaccato presso la Commissione Europea in qualità di Consigliere Diplomatico del Presidente e suo Rappresentante personale/Sherpa per il G7 e G8.

Nel 2002 è Capo dell’ufficio economico all’Ambasciata d’Italia a Washington, prima di assumere nel 2006 presso la Presidenza della Repubblica, quale Consigliere Diplomatico Aggiunto.

Nel 2009 è Ambasciatore a Belgrado dove resta fino al 2013, anno in cui torna a Roma presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri come Consigliere Diplomatico del Presidente del Consiglio e suo Rappresentante personale/Sherpa per il G8 e il G20.

Nel 2016 diventa Ambasciatore d’Italia a Washington, Stati Uniti, accreditato anche a Bahamas e Giamaica.

Dal 16 giugno 2021 è il nuovo Ambasciatore d’Italia a Berlino.

Ha assolto il servizio militare nell’Arma dei Carabinieri, è Cavaliere di Gran Croce dell'Ordine al Merito della Repubblica.

Sposato dal 1987 con Micaela Barbagallo, è padre di Federico e Umberto.


845