Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

08.09.2021: “Dalla selva oscura alle luci di Berlino”, serata in onore di Dante Alighieri

Data:

08/09/2021


08.09.2021: “Dalla selva oscura alle luci di Berlino”, serata in onore di Dante Alighieri

L’Ambasciata d’Italia a Berlino è palcoscenico questa sera di un evento che celebrerà la figura di Dante Alighieri toccando diversi aspetti della figura del Sommo Poeta. Sarà presentato l’audiolibro “Dalla selva oscura al Paradiso”, realizzato dalla Farnesina con il Comune di Ravenna e il Teatro delle Albe in 33 lingue. Brani selezionati estratti dall’audiolibro e recitati in sala saranno commentati dal Prof. Giulio Ferroni in dialogo con la giornalista tedesca Sandra Gronewald. Ferroni è autore del libro “L’Italia di Dante”, che raccoglie tutti i luoghi citati dal Poeta nel viaggio narrato nella “Divina Commedia” e che è stato realizzato grazie al sostegno della società Dante Alighieri, il cui segretario generale Alessandro Masi presenterà le molteplici attività messe in atto durante l’anno dantesco.

Proseguendo sul tema del viaggio attraverso la Penisola, la Direttrice dell’ufficio ENIT di Francoforte, Antonella Rossi, presenterà “Le Vie di Dante”, percorsi di turismo slow, naturalistico e enogastronomico lungo l’Appennino tosco-romagnolo.
Alla fine della serata gli ospiti potranno ammirare il videomapping dedicato a Dante che in questi giorni illumina la facciata dell’Ambasciata nel quadro del Festival of Lights. «E’ un modo di ricordare e celebrare colui che in Italia è chiamato il “Sommo Poeta”, il “padre della lingua italiana”, il cittadino più illustre della nostra cultura », così l’Ambasciatore Varricchio. Per la realizzazione della videoinstallazione sono state messe a disposizione alcuni preziosi disegni conservati presso il Kupferstichkabinett di Berlino: «un esempio di alta diplomazia culturale, segno di uno spirito di amicizia verso l’Italia e anche del riconoscimento di una comune cultura nell’Europa di oggi, che vorrei riconoscere apertamente».


868