Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Credenziali SPID per i cittadini italiani residenti all'estero: Proroga fino al 31.12.2023

Data:

24/01/2023


Credenziali SPID per i cittadini italiani residenti all'estero: Proroga fino al 31.12.2023

Si informa che il Decreto Legislativo n. 198 del 20 dicembre 2022 (cd. "Decreto Milleproroghe”, che dovrà essere convertito in legge) ha disposto un'ulteriore proroga della data entro la quale gli Uffici consolari dovranno utilizzare esclusivamente gli strumenti di identità digitale (SPID - Sistema Pubblico di Identità Digitale; oppure CIE - Carta di Identità Elettronica; oppure CNS - Carta Nazionale dei Servizi) per l'identificazione dei cittadini italiani residenti all’estero che accedono ai servizi amministrativi su Internet: tale data è ora il 31 dicembre 2023.
Pertanto, a partire dal 31 dicembre 2023 sarà necessario essere in possesso delle credenziali SPID (oppure CIE – Carta di Identità Elettronica; oppure CNS - Carta Nazionale dei Servizi) per accedere ai servizi consolari online (per esempio, FastIt e Prenotami).

Le credenziali di accesso ai servizi online diverse da quelle digitali sopra indicate, potranno essere rilasciate fino al 31 dicembre 2023 ai cittadini italiani, i quali potranno utilizzarle fino al 31 marzo 2024.

Si raccomanda quindi di attivarsi sin d’ora per l’ottenimento delle credenziali SPID, l’identità digitale per accedere ai siti web della Pubblica Amministrazione italiana, compresi i siti degli Uffici consolari all’estero.

Gli interessati potranno rivolgersi agli Identity Provider incaricati di fornire il servizio (si ricorda che la Cancelleria consolare NON può fornire le credenziali SPID, non essendo un Identity Provider).

Tutte le informazioni, come anche le istruzioni su come ottenere le proprie credenziali, possono essere trovate:
- sulla pagina del Ministero degli Affari Esteri dedicata a SPID
- sulle FAQ - Domande Frequenti del sito istituzionale dell’Agenzia dell’Italia Digitale.

 


1068