Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Assistenza sanitaria

 

Assistenza sanitaria

Assistenza sanitaria urgente per il cittadino italiano residente all'estero che rientri temporaneamente in Italia

Il cittadino italiano residente all'estero, titolare di pensione corrisposta da enti previdenziali italiani o avente lo status di emigrato, ha diritto alle prestazioni ospedaliere urgenti, erogate a titolo gratuito e per un periodo massimo di novanta giorni nell'anno solare, qualora non abbia una copertura assicurativa, pubblica o privata, per le suddette prestazioni sanitarie.

Il Ministero della Salute, con Nota n. 2561 del 13 aprile 2016, ha confermato che la condizione di emigrato non può più essere certificata dalla rappresentanza consolare bensì deve essere attestata mediante dichiarazione sostitutiva di certificazione (resa ai sensi dell'art. 46 del DPR 445/2000) da presentare alla competente ASL, con la quale il cittadino italiano autocertifica:

A - di essere nato in Italia, di possedere la cittadinanza italiana, nonché' di risiedere all'estero, indicando il Comune di iscrizione AIRE

oppure

B - di essere nato all'estero, di possedere la cittadinanza italiana, di aver risieduto in Italia, indicando il Comune di iscrizione all'Anagrafe della popolazione residente (APR), di risiedere attualmente all'estero ed essere quindi iscritto all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero (AIRE).

Si segnala ad ogni buon fine che il cittadino italiano residente in Germania fruisce già, a carico della propria cassa malattia tedesca, di una copertura assicurativa per le prestazioni sanitarie d'urgenza valida sul territorio nazionale italiano.

                                                            

 

DAT - Disposizioni anticipate di trattamento (testamento biologico)

Il maggiorenne, capace di intendere e di volere può, previa dichiarazione di avere acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte, redigere una disposizione anticipata di trattamento nella quale stabilisce il suo consenso o il suo rifiuto a trattamenti sanitari. Nella disposizione egli può anche nominare uno o più fiduciari che con facoltà di decidere in suo nome. Le disposizioni di trattamento e la nomina del/dei fiduciario/i possono essere revocati in ogni momento. La DAT può essere redatta nella forma dell’atto pubblico, della scrittura privata autenticata oppure della scrittura privata consegnata personalmente al proprio Comune italiano di residenza o di iscrizione AIRE. Per i minori la DAT può essere redatta dagli esercenti la responsabilità genitoriale.

Opuscolo informativo (a cura della Provincia autonoma di Bolzano)

Fac-simile di disposizione (a cura della Provincia autonoma di Bolzano)

 


367