Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

Pensioni e sicurezza sociale

 

Pensioni e sicurezza sociale

Informazioni generali sul sito del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale

 

INPS - campagna verifica dell'esistenza in vita dei pensionati titolari di sola pensione italiana (aggiornato al: febbraio 2021)

Anni 2019-2020 - Si segnala ai pensionati titolari di sola pensione italiana che non hanno restituito le attestazioni di esistenza in vita entro i primi giorni del mese di febbraio 2021, che l’INPS ha prorogato il termine finale della restituzione di tali attestazioni fissandolo al 7 maggio 2021. Coloro che non rispetteranno tale termine potranno ritirare il rateo di giugno 2021 soltanto presso le agenzie "Western Union" del Paese di residenza, in contanti. Inoltre, in caso di mancata riscossione personale o di mancata produzione dell'attestazione di esistenza in vita entro il 19 giugno 2021, il pagamento della pensione sarebbe sospeso dalla banca a partire dalla successiva rata di luglio 2021.

Anni 2020-2021 - Citibank avvierà la spedizione dei moduli di richiesta di attestazione dell'esistenza in vita ai pensionati di sola pensione italiana la prima settimana di maggio 2021 e tale modulistica dovrà essere restituita alla banca entro il 7 settembre 2021. Coloro che non rispetteranno tale termine potranno ritirare il rateo di ottobre 2021 soltanto presso le agenzie "Western Union" del Paese di residenza, in contanti. Inoltre, in caso di mancata riscossione personale o di mancata produzione dell'attestazione di esistenza in vita entro il 19 ottobre 2021, il pagamento della pensione sarebbe sospeso dalla banca a partire dalla successiva rata di novembre 2021.

Si ricorda che i titolari di un trattamento pensionistico INPS e di una prestazione a carico degli enti previdenziali tedeschi e svizzeri (i cui dati sono direttamente rilevati e comunicati all'INPS dalle suddette istituzioni) NON saranno più tenuti a fornire la prova dell'esistenza in vita.

Con l'occasione si informa che per l’accertamento dell’esistenza in vita l’accesso alla Cancelleria consolare (Hildebrandstrasse 1 – 10785 Berlin) è consentito, in via eccezionale, anche senza appuntamento. Tuttavia, in considerazione della capienza limitata dei locali, per evitare attese disagevoli all’esterno dell’edificio è consigliabile chiedere un appuntamento per e-mail all’indirizzo consolare.berlino@esteri.it.

 

Accertamento dell’esistenza in vita anche per videochiamata
Si informa la gentile utenza che per l’accertamento dell’esistenza in vita dei titolari di pensioni INPS è ora disponibile una nuova modalità tramite videochiamata con l’applicativo Whatsapp.

Chi desideri usufruirne deve fare quanto segue:
1. inviare copia del modulo ricevuto da Citibank (completo di tutti i dati compreso l'indirizzo mail, datato e firmato) unitamente a copia del proprio documento di riconoscimento, all’indirizzo mail: assistenza.berlino@esteri.it facendo richiesta di appuntamento per la videochiamata.
2. nel corso della videochiamata l’incaricato/a della Cancelleria consolare verificherà sia la corrispondenza dei dati anagrafici riportati nel modulo con quelli riportati nel documento originale di riconoscimento che il/la pensionato/a dovrà mostrare, sia l’esistenza in vita del medesimo/a.
3. spedire per posta ordinaria il modulo originale di attestazione, datato e firmato, al seguente indirizzo:
Ambasciata d’Italia a Berlino - Cancelleria consolare - Hiroshimastr. 1 - 10785 Berlin.
L’Ufficio consolare provvederà quindi a timbrare e firmare il modulo originale e ad inviarlo a Citibank.

Si precisa che la nuova modalità sopra indicata va ad aggiungersi e non a sostituirsi alla verifica in presenza, che il/la titolare di pensione può continuare ad utilizzare.

 

Novità 2021 IMU e TARI per pensionati iscritti AIRE

Dal 1° gennaio 2021, ai sensi dell’art. 1, comma 48, della legge n. 178 del 30 dicembre 2020 (legge di bilancio 2021), è introdotta una riduzione pari al 50% dell’imposta municipale unica (IMU) per i pensionati residenti all’estero e iscritti all’AIRE (titolari di pensione maturata in regime di convenzione Internazionale con l'Italia).
La riduzione potrà riguardare un solo immobile destinato ad uso abitativo, posseduto a titolo di proprietà o usufrutto. La stessa è concessa a condizione che l’unità immobiliare posseduta non venga concessa in locazione o comodato d’uso.
Per quanto concerne il pagamento della tassa sui rifiuti (TARI), è confermata la riduzione nella misura di due terzi, già precedentemente introdotta.

Agevolazioni IMU e TASI anni 2015-2019 per pensionati iscritti AIRE
Risoluzione n. 6 del 26.06.2015
Risoluzione n. 10 del 05.11.2015


45