Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Visita dell’Ambasciatore Varricchio a Monaco per l’inaugurazione della mostra “Venezia 500. Die sanfte Revolution der venezianischen Malerei” (26.10.2023)

Foto_3

L’Ambasciatore Armando Varricchio si è recato a Monaco di Baviera per l’inaugurazione della mostra “Venezia 500. Die sanfte Revolution der venezianischen Malerei” presso la Alte Pinakothek. L’esibizione, realizzata con il patrocinio dell’Ambasciata e il sostegno di Generali, è dedicata alle innovazioni rivoluzionarie della pittura veneziana del Rinascimento. Essa riunisce 15 capolavori della collezione di Monaco e circa 70 prestiti internazionali di artisti del calibro di Giovanni Bellini, Giorgione, Palma Vecchio, Lorenzo Lotto, Tiziano e Tintoretto.

 

Presenti all’inaugurazione anche Bernhard Maaz, Direttore Generale della Bayerische Staatsgemäldesammlungen e Andreas Schuhmacher, Direttore della Collezione della Alte Pinakothek di Monaco, oltre a Giovanni Liverani, CEO di Generali per Germania, Austria e Svizzera.

 

“La pittura veneziana – così l’Ambasciatore Varricchio – ha segnato profondamente l’evoluzione della storia dell’arte europea: le opere di Giorgione, Tiziano, Palma il Vecchio, Giovanni Bellini hanno impresso una svolta ai paradigmi artistici dell’epoca e consentito la diffusione di un approccio innovativo alla creazione pittorica. Ed è proprio questa spinta all’innovazione che emerge come tratto distintivo della Serenissima, dei suoi laboriosi abitanti e dei suoi Maestri, nel percorso espositivo della mostra. L’esibizione tocca inoltre un tema di estrema attualità, come quello del delicato equilibrio tra uomini, storia e natura, vitale oggi come 500 anni fa. Osservo infine che non potrebbe esserci luogo migliore per ospitare l’iniziativa che questa prestigiosa istituzione a Monaco, città industriale, creativa e aperta al mondo, da sempre luogo privilegiato di incontro e arricchimento tra i nostri Paesi e cittadini.”   

Foto: Haydar Koyupinar © Bayerische Staatsgemäldesammlungen