Questo sito utilizza cookies tecnici (necessari) e analitici.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

Registrazione in Italia figlio nato all’estero – Cittadinanza

Il figlio di padre o di madre italiana è cittadino italiano anche se nato all’estero, ma la nascita deve essere trascritta in Italia.
Di norma l’ufficio di Stato Civile tedesco (Standesamt) trasmette l’atto di nascita su modello internazionale all’Ufficio Consolare, che poi provvede all’invio al Comune italiano.

Se i genitori sono sposati e già iscritti all’AIRE e allo schedario consolare, l’Ufficio consolare trasmette d’ufficio l’atto di nascita in Italia per la successiva trascrizione e l’iscrizione all’AIRE del minore. Sarà poi il Comune italiano che provvede alla trascrizione a confermare ai genitori l’avvenuta iscrizione.
E’ opportuno accertarsi tramite email, dopo circa un mese dalla nascita, se il Comune tedesco ha inviato l’atto di nascita. Se così non fosse i genitori dovranno provvedere all’invio per posta all’Ufficio consolare dell’internationale Geburtsurkunde in originale cartaceo.
Se i genitori non sono sposati si prega di consultare la sezione riconoscimento.

>>ATTENZIONE: E’ possibile chiedere il passaporto per il figlio solo dopo che l’Ufficio consolare avrà ricevuto la documentazione necessaria per registrare il bambino in Italia. E’ possibile richiedere la carta di identità per il figlio solo dopo che il Comune italiano, dopo aver ricevuto la documentazione dall’Ufficio consolare, avrà trascritto la nascita e iscritto il bambino nel registro dei cittadini residenti all’estero (AIRE).

Per ulteriori informazioni è possibile contattare l’ufficio competente
– per e-mail: statocivile.berlino@esteri.it
– per telefono: (030) 25440-158