Questo sito utilizza cookie tecnici, analytics e di terze parti.
Proseguendo nella navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

L’Ambasciatore Varricchio all’inaugurazione della mostra “L’opera incontra i nuovi media: Puccini, Ricordi e l’ascesa della moderna industria dell’intrattenimento”, organizzata dal Gruppo Bertelsmann e dall’Archivio Storico Ricordi (17.04.2024)

3

L’Ambasciatore Armando Varricchio ha partecipato ieri all’inaugurazione della mostra “L’Opera incontra i nuovi media – Puccini, Ricordi e l’ascesa della moderna industria dell’intrattenimento”, curata dall’Archivio Storico Ricordi in occasione del centenario della morte di Giacomo Puccini. L’esposizione, che apre oggi al pubblico, sarà allestita presso la sede di rappresentanza berlinese del Gruppo Bertelsmann fino al 16 maggio 2024, per fare poi tappa in Italia presso il Museo Teatrale alla Scala in ottobre.
L’esposizione presenta le nuove tecnologie nate nell’inizio del ‘900, come le registrazioni sonore e l’immagine in movimento, e la capacità che hanno avuto il Maestro Puccini e la casa editrice musicale Ricordi ad adattarsi alle sfide da esse poste. Attraverso documenti d’epoca dell’Archivio Ricordi, ma anche tramite animazioni create dall’intelligenza artificiale, i visitatori hanno l’occasione di esplorare il fenomeno Puccini, ancora adesso uno dei compositori più eseguiti al mondo.

“Le nuove tecnologie, oggi come all’inizio del Ventesimo secolo, cambiano radicalmente settori come quelli della musica e della comunicazione, aprendo strade inedite alla creatività e all’innovazione. Al contempo pongono la cultura e la società dinanzi a importanti sfide che vanno affrontate con ingegno, come fecero il Maestro Puccini e gli editori musicali dell’epoca, a partire da Ricordi,” così l’Ambasciatore Varricchio. Ma non solo: “Il personaggio di Puccini è particolarmente moderno anche per la sua capacità di salvaguardare le tradizioni continuando a promuovere il rinnovamento e il progresso, che sono aspetti qualificanti dell’identità italiana, oggi al centro del messaggio che portiamo in Germania in un anno particolarmente significativo per la cultura italiana”.

Presenti all’inaugurazione anche la Segretaria di Stato per la Cultura di Berlino Sarah Wedl-Wilson; il CEO di Bertelsmann Thomas Rabe; il Maestro Alberto Veronesi, Presidente del Comitato nazionale per le celebrazioni pucciniane; il curatore della mostra Gabriele Dotto, il Direttore di Archivio Ricordi Pierluigi Ledda e la Direttrice del Museo della Scala Donatella Brunazzi. L’inaugurazione è stata accompagnata musicalmente da membri della Staatskapelle di Berlino e degli Internationale Opernstudios della Staatsoper Unter den Linden.

Per celebrare la ricorrenza del centenario, lo scorso 14 marzo l’Ambasciata aveva ospitato una serata in Ambasciata con un concerto dei giovani talenti del Festival Virtuoso & Belcanto. Inoltre, lo scorso 31 marzo la Stagione dei Concerti Popolari ospitati dalla Filarmonica di Berlino ha dedicato a Puccini il tradizionale Concerto di Pasqua nella Grande Sala della storica Filarmonica.

Per maggiori informazioni sulla mostra visita questo sito.

Foto 3, 4, 5, 6: © Bertelsmann/Hadi Karimi & Leila Khalili